Quel pianeta è abitabile? Guardiamo alla stella, prima di tutto


heic1312a_Blue planet
Una rappresentazione artistica del pianeta blu basata su osservazioni dell’Hubble Space Telescope. Crediti: NASA/ESA.

Sicuramente uno dei maggiori obiettivi tra i ricercatori è quello di trovare un pianeta con caratteristiche simili alla nostra Terra. Al momento, si sta restringendo il campo a stelle simili al nostro Sole, ma anche nell’esaminare stelle che sono più piccole del Sole, come le nane rosse.

Un nuovo studio, tuttavia, mette in luce che un ambiente ricco di raggi X come quello della nane di questo tipo potrebbe dare dei falsi positivi. Dopo aver guardato ai pianeti di massa terrestre nei dintorni di quattro stelle come GJ 667, che ha tre pianeti che cadono nella zona di abitabilità della stella (e quindi presentano acqua liquida sulla loro superficie), è possibile concludere che si possa trovare dell’ossigeno anche in assenza di vita.

Il lavoro si basa su un paper pubblicato nell’Astrophysical Journal che sostiene che GJ 876 studiata dall’Hubble Space Telescope, potrebbe consentire ad un ipotetico pianeta di avere molto ossigeno presente nella sua atmosfera, anche senza la presenza di vita.

I ricercatori stessi, comunque, sono piuttosto cauti e affermano che si tratta di un lavoro preliminare e che vi è molto ancora da studiae prima di arrivare ad una conclusione definitiva.
“Per esempio, gli effetti dei flare stellari sull’atmosfera dell’ipotetico pianeta di tipo terrestre come quello attorno a GJ 876 non vengono presi in considerazione” afferma Kevin France, che lavora all’University of Colorado a Boulder e che è secondo autore della ricerca.
“A questo punto non abbiamo una conoscenza sufficiente dell’ampiezza e della frequenza di questi flare sulle stelle più vecchie che ospitano pianeti di piccola massa per poter fare delle previsioni sul possibile impatto sulla produzione di segni di biomarcatori”.

Il report è stato presentato all’American Astronomical Society Division for Planetary Sciences Meeting a Denver lo scorso 7 ottobre.

SETI – Brilliant Science – September 28-October 26, 2013 – Earth 2.0: Where is it? Can We Visit? Earth: A Single Point Failure – http://www.seti.org/seti-institute/news/september-28-jill-tarter-moderates-earth-20-panel

UniverseToday – Is That Planet Habitable Look To the Star First New Study Cautions – http://www.universetoday.com/105340/is-that-planet-habitable-look-to-the-star-first-new-study-cautions/#more-105340

Articolo: Kevin France, Cynthia S. Froning, Jeffrey L. Linsky (Colorado), Aki Roberge (GSFC), John T. Stocke (Colorado), Feng Tian (Tsinghua University), Rachel Bushinsky (Colorado), Jean-Michel Desert (Caltech), Pablo Mauas, Mariela Vieytes (IAFE-Universidad de Buenos Aires), Lucianne M. Walkowicz (Princeton), The Ultraviolet Radiation Environment Around M dwarf Exoplanet Host Stars,
arXiv:1212.4833 [astro-ph.EP], disponibile su: http://arxiv.org/abs/1212.4833 .

Sabrina

~ di Sabrina su 30 dicembre 2013.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: