Hubble Space Telescope rivela il motivo dell’esistenza della Corrente Magellanica

ViaLattea_HSTLa Via Lattea in luce radio/visibile. Si osserva la Corrente Magellanica, la striscia di gas ricca di idrogeno e zolfo in colore viola nella parte inferiore dell’immagine. Credit:i D. Nidever et al., NRAO/AUI/NSF e A. Mellinger, Leiden-Argentine-Bonn (LAB) Survey, Parkes Observatory, Westerbork Observatory, e Arecibo Observatory. Un’immagine della Corrente Magellanica in radio: si visiti HubbleSite su http://hubblesite.org/newscenter/archive/releases/2013/27/image/c/.

Alcuni ricercatori utilizzando l’Hubble Space Telescope della NASA/ESA hanno risolto una questione che durava da oltre quarant’anni sulll’origine dello Corrente Magellanica (Magellanic Stream), nube interstellare vicinissima alle Nubi di Magellano e connessa con esse, che si estende in direzione della nostra Galassia, la Via Lattea.

La Piccola e la Grande Nube di Magellano, due galassie nane che orbitano intorno alla nostra, sono le responsabili della corrente gassosa. Da quando tale corrente venne rivelata dai radiotelescopi all’inizio degli anni Settanta del secolo scorso, gli astronomi si sono chiesti se il gas provenisse da una o da entrambe le galassie satellite della nostra. Le nuove osservazioni compiute da Hubble Space Telescope rivelano che la maggior parte del gas è stato strappato dalla Piccola Nube di Magellano circa due miliardi di anni fa, e una seconda regione della corrente ha origini più recenti, dovuta alla Grande Nube di Magellano.

Nell’immagine, di apertura, che rappresenta una combinazione di immagini radio e nel visibile, la striscia di gas è mostrata in violetto. Le osservazioni radio, prese dal Leiden-Argentine-Bonn (LAB) Survey, sono state combinate con le immagini in luce visibile dal Mellinger All-Sky Panorama. La Via Lattea è la banda in luce blu che si vede al centro dell’immagine. In marrone, le nubi di polvere interstellare nella nostra Galassia. L’immagine della Corrente Magellanica è stata ripresa in radio, ottenuta dal LAB Survey.

Un team di ricercatori astronomi guidati da Andrew J. Fox dello Space Telescope Science Institute di Baltimore, Maryland, ha determinato la sorgente del filamento di gas utilizzando il Cosmic Origins Spectrograph (COS) a bordo di Hubble per misurare la quantità di elenenti pesanti, quali l’ossigeno e lo zolfo, in sei differenti posizioni lungo la Corrente Magellanica. Il team ha osservato quaasar lontani, i nuclei brillanti di galassie attive che emettono luce che poi attraversa la Corrente Magellanica. Tali elementi pesanti sono stati rilevati dal modo in cui tali elementi assorbono la luce ultravioletta.

Il team di Fox ha trovato una piccola quantità di ossigeno e zolfo lungo quasi tutta la Corrente Magellanica, in corrispondenza dei livelli nella Piccola Nube di Magellano di circa due miliardi di anni, quando si ipotizza che la striscia di gas si sia formata in modo sorprendente. Il gruppo di ricercatori hanno trovato un più alto livello di zolfo in una regione che è più vicina alle Nubi di Magellano.

Fonte Hubble Site: Hubble Finds Source of Magellanic Stream – http://hubblesite.org/newscenter/archive/releases/2013/27/image/b/
NASA-HST: Hubble Space Telescope Finds Source of Magellanic Stream – http://www.nasa.gov/content/hubble-space-telescope-finds-source-of-magellanic-stream/#.UgRsfKx07w8

Sabrina

~ di Sabrina su 15 agosto 2013.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: