NASA: Richiesta di nuove idee per aiutare la Misisone Kepler

PlatoExoPlanet_ESA02Alla ricerca di esopianeti: il metodo del transito permette di studiare la curva di luce di una stella e di registrarne una diminuzione nel momento in cui il pianeta transita di fronte alla sua stella ospite. Credti NASA.

La NASA è alla ricerca di nuove idee su future strade da percorrere per recuperare il suo telescopio spaziale Kepler, la cui missione a caccia di pianeti è stata bloccata da un malfunzionamento circa tre mesi fa.

L’Agenzia Spaziale americana ha pubblicato un call per presentare nuove proposte di missione nella probabilità che Kepler non possa mai più recuperare completamente la sua capacità operativa che è stata compromessa a metà maggio, quando la seconda di quattro ruote di reazione di orientamento/mantenimento ha smesso di funzionare correttamente. Questo ha compromesso la capacità di puntamento dello strumento.

“Se una delle due ruote di reazione non può essere più operativa, è improbabile che la sonda possa riprendere la missione alla ricerca di esopianeti” hanno scritto i funzionari di Kepler nella loro richiesta di idee agli scienziati di tutto il mondo. “Lo scopo di questa call per nuovi paper è di sollecitare la comunità scientifica che si occupa di pianeti extrasolari a trovare nuove alternative nell’utilizzo del telescopio spaziale, che siano coerenti con il suo attuale stato.

Il principale obiettivo della missione di Kepler, del costo di 600 milioni di dollari, è di determinare la distribuzione di pianeti simili alla Terra nelle vicinanze del nostro Sistema Solare, nel momento in cui il pianeta transita di fronte alla propria stella madre (fenomeno di transito).

L’osservatorio Kepler ha bisogno di tre ruote di reazione che funzionano come un giroscopio per eseguire questo lavoro di alta precisione. La sonda aveva a disposizione ben quattro ruote quando venne lanciata nel marzo 2009, tre per uso immediato e una di riserva.  Ma una ruota, conosciuta come la numero 2, andò fuori uso nel luglio 2012. E poi la numero 4, l’11 maggio di quest’anno, arrestando così la sua ricerca di esopianeti.

Nel corso degli ultimi tre mesi, gli ingegneri della NASA si sono messi al lavoro per recuperare almeno una delle ruote malfunzionanti. Vi è stato un certo successo nelle due ultime settimane, e che ha portato entrambe le ruote 2 e 4 a ruotare. Tuttavia, entrambe presentano dei livelli di attrito molto più elevati rispetto alle ruote sane.

La frizione della ruota n. 4 è così alta che gli ingegneri hanno escluso ulteriori test in futuro. La missione Kepler è diretta da Roger Hunter dell’Ames Research Center della NASA a Moffett Field, California, e che ha scritto un update della missione. Il team cercherà di lavorare sulla ruota n. 2 per vedere se sarà possibile utilizzarla per aiutare il puntamento del telescopio spaziale, necessario per la raccolta di dati scientifici.

Kepler 11Il sistema Kepler 11 osservato da Kepler. Crediti NASA/JPL – Caltech .

Il test di puntamento è iniziato e durerà per tutta questa settimana, se tutto andrà bene. Hunter ha scritto “Per stabilire se Kepler potrà tornare alla sua raccolta dati nella determinazione di esopianeti bisognerà aspettare un paio di settimane, dopo aver effettuato tre test di puntamento”.

L’invio di astronauti per aggiustare Kepler, come è stato fatto per ben cinque volte nel caso di Hubble Space Telescope, non è un’opzione possibile in quanto Kepler orbita attorno al Sole e non attorno alla Terra ed è attualmente a milioni di chilometri dal nostro pianeta.

La probabilità che Keper venga pienamente recuperato fino a riprendere le operazioni precedenti non è alta, ha affermato il team della missione.
“Non vi è l’intenzione di ritornare alla misisone originaria, ma a qualcosa di meno” ha affermato il vice responsabile del progetto Kepler, Charles Sobeck, dell’Ames della NASA. “Ma questo qualcosa di meno e quanto isignificiativo sarà, è ancora tutto da vedere”.

Così la NASA e il team di Kepler hanno iniziato a pensare a posisbili missioni alternative, che è il motivo per cui vi è stata questa nuova richiesta di idee. Le proposte devono essere presentate entro il 3 settemnbre 2013. Il team di Kepler impiegherà circa due mesi nel visionare i suggerimenti ricevuti, poi sottoporrà un report iniziale presso il Quartier Generale della NASA il prossimo 1 novembre. Un proposal ufficiale dovrà essere completato entro il primo febbraio 2014 con una decisione sui finanziamenti attesi. La nuova missione scientifica dovrebbe iniziare nell’estate 2014, secondo questo attuale piano.

Nel caso il cui il nuovo progetto potesse rivelarsi opportuno assieme ai costi da sostenere, la missione continuerebbe ad essere operativa e gestita dall’Ames Research Center della NASA.

Se Kepler potrà riprendere le sue attività o meno nella caccia di esopianeti, i ricercatori continueranno probabilmente a trovare nuovi pianeti nei numerosi dati raccolti recentemente dal telescopio spaziale. Ed è probabile che l’analisi dei dati continuerà per qualche anno.

Hunter ha infatti annunciato nel suo update della missione che i ricercatori hanno individuato altri 274 nuovi candidati pianeti nelle osservazioni di Kepler portando il numero di potenziali pianeti a 3548, di cui 135 sono già stati confermati, ma i membri del team si aspettano che almeno il 90% di questi nuovi mondi finirà per essere confermato pianeta.

Alcuni di questi nuovi pianeti candidati sono piccoli e alcuni si vengono a trovare nella zona di abitabilità della stella, ma molto lavoro rimane da fare per verificare tali risultati” ha scritto Hunter.

La prima misisone di Kepler è durata tre anni e mezzo, e Kepler ha un’età lavorativa stimata in almeno quattro anni. Quindi, è probabile che la missione sia in grado di raggiungere il suo obiettivo principale, quello di stabilire la frequenza di pianeti simili alla Terra: quante sono Terre nei dintorni del Sole?

My special thanks go to my Friend Roger Weiss.

Fonte Space.com: NASA Seeks New Ideas for Ailing Planet-Hunting Spacecraft’s Mission – http://www.space.com/22276-nasa-kepler-spacecraft-mission-ideas.html

~ di Sabrina su 14 agosto 2013.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: