Quel piccolo cimitero cometario nella Fascia degli Asteroidi

giove-e-la-cometa-shoemaker-levyGIove e  le zone dell’impatto con la cometa Shoemaker-Levy 9 nel 1994. Crediti NASA/Hubble Space Telescope.

Vi è un potenziale “cimitero” di comete inattive nel nostro Sistema Solare tra le orbite di Marte e quella di Giove, secondo un nuovo articolo pubblicato sul  Monthly Notices of the Royal Astronomical Society. La stragrande maggioranza delle comete ha origine dalla Nube di Oort, un’immensa nube sferica di nuclei cometari a circa 100 000 anni luce di distanza dal Sole, dove termina l’azione gravitazionale della nostra stella e quindi anche il nostro Sistema Solare.

Secondo il nuovo studio, dodici comete attive sono state osservate all’interno e intorno alla Fascia degli Asteroidi compresa tra Marte e Giove. I ricercatori fanno l’ipotesi che debba esserci un certo numero di comete non attive in questa regione che “diventano attive” quando la forza gravitazionale del pianeta Giove viene ad influenzarne il moto, e a far sì che tali oggetti possano ricevere più energia dal Sole.

Daumier_CometeLitografia dell’artista francese Honorè Daumier (1808-1897). Museo delle Belle Arti, Boston. M. Babinet prévenu par sa portière de la visite de la comète.

I ricercatori hanno esaminato le comete proveninenti dalla Fascia Principale degli Asteroidi. Mentre gli asteroidi sono corpi rocciosi privi di ghiaccio, le comete sono oggetti rocciosi ricchi di ghiaccio. Il ghiaccio sublima quando la cometa si avvicina al Sole dando origine alla chioma e alla spettacolare coda che che si può allungare, nella stragrande maggioranza dei casi, per milioni di chilometri.

“Immaginate tutte questi asteroidi che si muovono intorno al Sole per miliardi di anni, senza alcuna traccia di attività” ha affermato Ignacio Ferrin, autore capo del paper, che lavora presso l’University of Antioquia di Columbia. “Abbiamo scoperto che alcuni oggetti non sono, dopotutto,  delle rocce morte ma sono delle comete dormienti che possono ancora tornare attive se l’energia che ricevono dal Sole aumenta di qualche punto percentuale”.

Il team ritiene che questa zona sia stata molto più attiva milioni di anni fa, ma man mano che la popolazione è diventata vecchia, allora anch’essa sia diventata più tranquilla.

“Dodici di queste rocce sono delle vere e proprie comete che sono state ringiovanite dopo una riduzione della loro minima distanza dal Sole” ha dichiarato il ricercatore. “La piccola quantità extra di energia che hanno ricevuto dal Sole è stata sufficiente per farle rivivere dal cimitero cometario”.

Ignacio Ferrín, Jorge Zuluaga & Pablo Cuartas, The location of Asteroidal Belt Comets (ABCs), in a comets’ evolutionary diagram: The Lazarus Comets,  Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, MNRAS (2013) doi: 10.1093/mnras/stt839 First published online: August 1, 2013 disponibile su: http://mnras.oxfordjournals.org/content/early/2013/07/30/mnras.stt839.full .

Sabrina

~ di Sabrina su 6 agosto 2013.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: