Luca Parmitano si prepara alla sua prima passeggiata spaziale

Luca ParmitanoLuca Parmitano mentre compie un esperimento a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Crediti NASA/ESA.

Tre membri dell’Expedition 36 a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) hanno partecipato ai preparativi per una passeggiata spaziale mercoledì scorso. Gli ingegneri di volo, Chris Cassidy della NASA e Luca Parmitano dell’ESA compiranno due passeggiate spaziali, oggi 9 luglio e il 16 luglio prossimo. I due astronauti sono stati seguiti dall’ingegnere di volo Karen Nyberg per le verifiche di idoneità alle tute spaziali e successivamente hanno avuto una telefonata dalla base di controllo per una conferenza.

L’astronauta Nyberg opererà con il Canadam2 durante la prima passeggiata spaziale guidando Luca Parmitano al di fuori della ISS. Le attività in programma per la prima passeggiata includono l’installazione di vari cavi e il recupero di un esperimento esposto all’ambiente di microgravità.

Sul lato russo della ISS, il Comandante Pavel Vinogradov ha partecipato ad un esperimento cardiaco con gli ingegneri di volo Alexander Misurkin e Fyodor Yurchikhin. I cosmonauti sono stati monitorati per ottenere una misura della loro attività bioelettrica cardiaca durante il riposo.

Luca Parmitano - YellowstoneUna foto dello Yellowstone tra le nuvole fatta dall’astronauta italiano Luca Parmitano dell’Agenzia Spaziale Europea. Crediti NASA/ESA.

La passeggiata spaziale di Luca Parmitano è sicuramente un evento storico nella storia spaziale italiana e anche di quella europea. Per la sua prima attività extraveicolare, Luca uscirà per secondo, mentre per la seconda passeggiata, quella in programma il 16 luglio, Luca sarà il primo ad uscire dalla ISS. Luca sarà anche il più giovane astronauta a compiere una passeggiata spaziale.

La prima passeggiata è in programma per le 7.10 ora di Houston, le 14.10 ora italiana. E’ previsto che l’attività extraveicolare (EVA) durerà circa sette ore per delle operazioni di manutenzione.
Crew expedition 36Gli astronauti dell’Expedition 36 a bordo della ISS durante una conferenza. Crediti NASA.

L’atterraggio della capsula spaziale con a bordo il nostro astronauta e altri due compagni di missione, il russo Fyodor Yurchikhin e l’americana Karen L. Nyberg è previsto per il 10 novembre prossimo nella steppa orientale del Kazakistan.

Fonte NASA:Preps Ramp Up for July 9 and 16 Spacewalks – http://www.nasa.gov/content/preps-ramp-up-for-july-9-and-16-spacewalks/#.UdpoFlO-LUI

Agenzia Spaziale Italiana (ASI): Uno speciale contatto radio per Luca Parmitano – http://www.asi.it/it/news/parmitano_ci_vuole_un_poeta_per_raccontare_la_liberta_che_si_prova_quassu

Sabrina

~ di Sabrina su 9 luglio 2013.

3 Risposte to “Luca Parmitano si prepara alla sua prima passeggiata spaziale”

  1. Ciao Sabrina. Ti seguo sempre. Bravissima. Una domanda: questa notte, circa tre minuti fa, ho visto due flash sulla destra del carro maggiore. Non c’è’ una stella in quel punto, o almeno dopo il flash non c’era. A occhio Nudo, sulla dx del carro, saranno stati circa cinque cm al Max. Accanto alla ultima stella In basso a dx. Sai spiegarmi Cosa fosse? Grazie per la tua Risposta ciao. Inviato da iPhone Lucia Guerrini

    • Molto spesso questi fenomeni fugaci e scintillanti dipendono dal transito di satelliti, da fenomeni legati all’atmosfera e non dalla nascita di nuove stelle. In realtà, nel 2011 in quella zona di cielo si è verificata una supernova e una stella è diventata improvvisamente brillante e visibile nel nostro cielo. Il giornalista Giovanni Caprara ne fa una bella descrizione qui:
      http://archiviostorico.corriere.it/2011/agosto/29/Una_nuova_luce_nel_Grande_co_9_110829018.shtml

      Il tuo flash lo descriverei come legato ad un passaggio di un satellite. I satelliti che si trovano in orbita sono formati da varie parti e da vari materiali. Alcune parti hanno una superficie altamente riflettente, dato che sono rivestiti di pellicole di alluminio, che a loro volta possono essere ricoperte da uno strato di teflon argentato per il controllo termico. La superficie delle antenne è in grado di riflettere la luce del Sole proprio come fa uno specchio, provocando uno spettacolare flash, visibile da Terra entro un raggio di pochi chilometri e con una durata variabile da cinque a venti secondi. Durante una sola notte se ne possono vedere di debole o media intensità.

      Grazie di cuore per la tua fedeltà, Lucia. E’ un grande regalo per me e per i colleghi che lavorano al progetto.
      Ciao, Sabrina

    • Qualche ora prima attorno alle 23 circa la prima fugace ma luminosa stella cadente (credo) mentre ero fuori con il mio cane nel prato con il naso all’insù per tutta la durata ….. dei suoi bisogni.😆 Sotto la ‘Polaris’ direzione nord-nord-ovest.
      Mentre la sera prima un satellite direzione ovest-nord. Ho provato a ammaginare che fosse lì il nostro Luca.
      Uno spettacolo sempre affascinante.
      Un saluto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: