Oggi l’asteroide 2012 DA14 al suo massimo avvicinamento con la Terra

Asteroid_2012_DA14

Rappresentazione artistica dell’asteroide 2012 DA14 che stasera avrà il suo massimo avvicinamento con la Terra. Crediti NASA/JPL.

Il nostro pianeta sta per incontrare da vicino l’asteroide 2012 DA14, una roccia con una dimensione di circa 45 metri, metà di un campo da calcio. Non vi è alcun rischio di impatto con la Terra ed è sicuramente una notizia che ci può tranquillizzare. Nel suo punto di massimo avvicinamento in meno di quattro giorni, l’asteroide si avvicinerà fino ad una distanza di 27700 chilometri, ossia circa 8000 chilometri all’interno dell’anello dei satelliti geostazionari ma molto al di sopra dei satelliti in orbita attorno alla Terra e della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), a bordo della quale vi sono sei astronauti che stanno compiendo ricerche spaziali e biologiche.

Sebbene la probabilità di una collisione dell’asteroide con un satellite sia estremamente remota, la NASA sta attivamente lavorando con gli ingegneri satellitari per informarli del percorso dell’asteroide. 2012 DA14 si avvicinerà alle ore 2:24 p.m. EST (11:24 a.m. PST), ossia 19.24 UTC ad una velocità di circa 7,8 chilometri al secondo, pari a otto volte la velocità di una pallottola di un comune fucile. Sotto una particolare prospettiva l’asteroide sarà a circa 1/13 della distanza della Luna nel punto di massimo avvicinamento alla Terra.

“L’asteroide 2012 DA14 avrà un incontro ravvicinato con la Terra viaggiando rapidamente da sud verso nord e muovendosi con una velocità di circa due lune al minuto” ha affermato Don Yeomans, gtrande esperto di asteroidi della NASA e gestisce il Near-Earth Object Program Office della NASA presso il Jet Propulsion Laboratory, a Pasadena, California. “Questa è una velocità alta per un corpo celeste” ha continuato Yeomans. Finora nessun altro oggetto era passato così vicino al nostro pianeta.

Asteroid 2012 DA14

Traiettoria dell’asteroide nel suo massimo avvicinamento con la Terra. Crediti NASA/JPL/Caltech.

“Un tale incontro ravvicinato si verifica circa ogni 40 anni. Una possibile collisione con la Terra si potrebbe verificare tra circa 1200 anni” ha continauto Yeomans. Inoltre, se un asteroide delle dimensioni di 2012 DA14 colpisse la Terra, l’effetto dell’impatto sarebbe simile all’evento Tunguska in Siberia avvenuto nel 1908, quando probabilmente un nucleo cometario o un asteoide rase al suolo gli alberi e ogni forma vivente coprendo una superficie di circa 1 280 000 metri quadrati (800 miglia quadrate). Così l’effetto su una città nel caso di un asteroide di cinquanta metri di diametro, circa quelle di 2012 DA14, la raserebbe completamente al suolo, provocando morti e devastazione. Ma non sarebbe catastrofico per la vita sulla Terra. Al momento, però, la Terra non ha difese contro un eventuale asteroide.

Per confronto, l’evento catastrofico che causò l’estinzione di massa dei dinosauri circa 65 milioni di anni fa fu provocato da un asteroide di circa 10 chilometri di diametro. Circa 2/3 di tutte le specie si estinsero. Se 2012 DA14 impattasse con la Terra la forza  sprigionata durante l’impatto sarebbe equivalente a circa 2,4 megatoni di energia, ossia 2,4 milioni di tonnellate di TNT.

Non vi è alcun pericolo neppure per gli astronauti a bordo della ISS e probabilmente non avranno alcuna possibilità di osservare l’evento. “La ISS non è predisposta per l’osservazione” ha affermato Lindley Johnson, Direttore del programma, Near Earth Object Observations Program presso il quartier generale della NASA a Washington.

Tuttavia i radio astronomi stanno programmando le osservazioni per ricavare delle immagini circa otto ore dopo il flyby grazie all’antenna del Goldstone nel Deserto del Mojave, California, che fa parte del programma Deep Space Network della NASA.

E’ possibile che alcune persone abbiano comunque la possibilità di osservare l’asteroide con piccoli telescopi. “L’asteroide sarà visibile per gli osservatori nell’Europa orientale, in Asia e in Australia, raggiungendo circa 7,5 magnitudini di luminosità, luminosità un po’ più debole del limite dell’occhio umano. Il massimo avvicinamento sarà ben visibile sopra i cieli dell’Indonesia.

dinosauri_asteroide

Alcuni astronomi del La Sagra Sky Survey Program, Spagna del sud, hanno scoperto l’asteroide nel febbraio 2012 proprio poco dopo il suo massimo avvicinamento alla Terra, ossia ad una distanza di circa 7 volte la distanza Terra-Luna. dando comunicazione della scoperta al Minor Planet Center come si fa di solito con tutti gli oggetti appena scoperti.

Il Gruppo italiano del NEO (Near Earth Object) e i collaboratori di Pisa utilizzeranno tali dati per fare una previsione futura della nuova orbita e quindi del nuovo incontro ravvicinato con la Terra. Yeomans ha affermato che il flyby di oggi sarà il più vicino, finora stimato, dei prossimi 100 anni e la sua orbita verrà perturbata in modo tale che ritornerà meno frequentemente verso Terra, cambiando così la sua traiettoria e la sua classe orbitale da Apollo a Aten.

Proprio per le sue piccole dimensioni e per la recente scoperta non si sa ancora nulla sulla composizione geologica di 2012 DA14 anche se si suppone che sia ricco di silicati.

Fonte UniverseToday- 45 meter Asteroid to Skirt Very Near Earth on Feb 15 : http://www.universetoday.com/99801/45-meter-asteroid-to-skirt-very-near-earth-on-feb-15/

Sabrina

~ di Sabrina su 15 febbraio 2013.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: