La spettacolare polvere in M78

Questa immagine della regione che circonda la Nebulosa M78, appena a nord della Cintura di Orione, mostra delle nuvole di polvere cosmica che passano attraverso la nebulosa come fossero una collana di perle. Crediti: ESO/APEX (MPIfR/ESO/OSO)/T. Stanke et al./Igor Chekalin/Digitized Sky Survey 2.

Sulla Terra la polvere può sembrare piuttosto banale (e a volte anche fastidiosa). Ma nello spazio può apparire spettacolare da vedersi, soprattutto quando viene a riflettere la luce delle stelle e ancor più quando abbiamo la possibilità di osservare i riflessi in lunghezze d’onda differenti.

Qui, in NGC 2068, chiamata anche Messier 78 (M78), nella lunghezza d’onda submillimetrica ottenuta dall’Acatama Pathfinder Experiment (APEX) Telesscope Dust  si osserva lo splendore dei grani di polvere interstellare, che individuano la posizione dove nuove stelle si stanno formando.

Questa nebulosa si trova appena a nord della Cintura di Orione che fa parte della Costellazione di Orione visibile nel nostro emisfero nel periodo invernale e ben individuabile in cielo dalle tre stelle posionate una di seguito all’altra. Quando la Nebullosa viene osservata in luce visibile si notano dei bagliori di un colore azzurro pallido della luce stellare ma gran parte di questa luce viene assorbita dalla polvere e quindi bloccata. In questa immagine, le osservazioni APEX sono sovrapposte a quelle della luce visibile di colore arancio. La vista di APEX rivela lo splendore delicato dei densi e freddi grumi di polvere, alcuni dei qualisono raggiungono temperature molto basse, intorno ai -250 °C.

Un’immagine in luce visibile ottenuta dall’European Southern Observatory (ESO) della Nebulosa Messier 78. Crediti ESO e Igor Chekalin.

Confrontiamo due immagini: quella di apertura dell’articolo e questa qui sopra, in luce visibile. Un filamento visto da APEX appare in luce visbile come un sentiero oscuro che taglia  M78. Questo ci dice che la polvere densa viene a trovarsi di fronte alla Nebulosa, bloccando la sua luce bluastra. Un’altra regione importante di polvere incandescente osservata da APEX si sovrappone alla luce visibile di M78 nel bordo inferiore dell’immagine. La mancanza di una corrispondenza tra la polvere scura nell’immagine in luce visibile ci dice che questa densa regione di polvere deve trovarsi dietro la Nebulosa.

Le osservazioni del gas in queste nubi rivelano del gas che fuoriesce ad alta velocità da alcuni densi grumi. Gli outflow sono espulsi da stelle giovani mentre le stelle si stanno ancora formando dalla nube circostante. La loro presenza è, di conseguenza, la prova che questi grumi stanno formando stelle.

Nella parte superiore dell’immagine vi è un’altra nebulosa, NGC 2071. Mentre le regioni inferiori di questa foto contengono solo stelle giovani di piccola massa, NGC 2071 è ricca di stelle massicce e giovani con un valore di massa di circa cinque volte quella del Sole, che si trovano nei picchi più luminosi osservati da APEX.

Fonte UniverseToday: http://www.universetoday.com/94944/beautiful-glowing-dust-in-orion/#more-94944

Video disponibile su Space.com: http://www.space.com/15501-m78-orion-belt-sifting-bright-cosmic-dust-video.html

Sabrina

~ di Sabrina su 24 maggio 2012.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: