Un buco nero catturato in flagrante in un omicidio stellare

Crediti: NASA, S. Gezari (The Johns Hopkins University), e J. Guillochon (University of California, Santa Cruz).

Questa immagine ottenuta da una simulazione con il computer mostra il gas emesso da una stella che viene squarciata dalle forze mareali mentre cade dentro un buco nero. Alcuni dei gas inoltre vengono espulsi ad alte velocità nello spazio.

Utilizzando le osservazioni dai telescopi spaziali e da quelli terrestri i ricercatori hanno raccolto la prova più diretta dell’evidenza di questo violento processo: un buco nero supermassiccio che sta squarciando una stella che si trovava troppo vicina. I telescopi orbitanti Galaxy Evolution Explorer (GALEX) della NASA e Il Pan-STARRS 1 sulla sommità di Halaakala alla Hawaii sono stati utilizzati per aiutare a identificare i resti stellari.

Un flare nell’ultravioletto e nell’ottico ha mostrato la caduta del gas in un buco nero e anche il gas, arricchito in elio, che veniva espulso dal sistema. Quando la stella si è lacerata, un po’ del materiale è caduto nel buco nero, mentre la parte rimanente è stato eiettata ad altissima velocità. Il flare e le sue proprietà forniscono una firma di questo scenario e dei dettagli, senza precedenti, sulla vittima stellare.

Per escludere completamente la possibilità di un nucleo attivo nella regione centrale della galassia, il team ha utilizzato Chandra X Ray Observatory della NASA per studiare il gas caldo. Chandra ha mostrato che le caratteristiche del gas non corrispondevano a quelle di un nucleo galattico attivo.

La galassia il cui buco nero supermassiccio ha squartato la stella mentra transitava è nota come PS1-10jh e si trova a circa 2,7 miliardi di anni luce dalla Terra. I ricercatori stimano che il buco nero in PS1-10jh ha una massa di parecchi milioni di masse solari, che è confrontabile con il buco nero supermassiccio della nostra galassia.

Crediti: NASA, S. Gezari (The Johns Hopkins University), e J. Guillochon (University of California, Santa Cruz).
Fonte Chandra X Ray Observatory: http://www.chandra.si.edu/photo/2012/ps1/ e NASA – Black Hole Caught Red-handed in a Stellar Homicide: http://www.nasa.gov/mission_pages/chandra/multimedia/ps1.html

Sabrina

~ di Sabrina su 17 maggio 2012.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: