Uno dei primi turisti a Stonehenge, 3500 anni fa

Stonehenge probabilmente è anche la località turistica più antica del mondo. Lo dimostrerebbe una delle ultime scoperte effettuate nel 2010 con la scoperta nelle vicinanze del cerchio di pietra di una tomba di un bambino sepolto circa 3500 anni fam nel periodo dell’Età del Bronzo, e probabilmente vissuto sulle sponde del Mediterraneo, molto lontano dall’Inghilterra a circa 800 chilometri. “Il ragazzo con la collana d’ambra” come è stato soprannominato perchè sepolto con un gioiello al collo, in realtà non è l’unico corpo trovato nei pressi di Stonehenge ad appartenere ad un persona non del luogo. Uno dei primi visitatori di Stonehenge di cui si ha notizia è il famoso “Arciere di Amesbury”, sepolto circa 5 chilometri di distanza dall’Osservatorio Astronomico.

Per capire se il ragazzino fosse originario o meno dell’Inghilterra i ricercatori del British Geological Survey (BGS) hanno misurato le differenze di isotopi di ossigeno e di stronzio nei denti. Tale rapporto cambia a seconda del clima e della geologia locale. I denti conservano queste informazioni sulla quantità di questi isotopi un po’ come gli anelli degli alberi e permettono di ricavare l’origine del luogo di provenienza di una persona.

“Nel caso del ragazzo, il rapporto fra gli isotopi di ossigeno appariva come caratteristico di un ambiente dalle temperature più elevate rispetto a quelle dell’area di Stonehenge in cui è stato trovato, ma che coincide con quelle delle coste del Mediterraneo”, ha affermato Jane Evans della BGS (Fonte National Geographic). L’Arciere di Amesbury ha avuto un’analisi simile: i suoi denti rilevano un viaggio avvenuto circa 4 400 anni fa dalle pendici delle Alpi Tedesche.

Stonehenge. Photograph by Jason Hawkes, National Geographic

Ma essendo giovane questo ragazzino con la collana di ambra è molto probabile che viaggiasse con dei familiari forse durante un giro turistico nella zona di Stonehenge. Appartenente a persone ricche dell’epoca, probabilmente questi luoghi erano interessanti per il materiale raro come l’ambra e devono aver attraversato il Canale della Manica grazie alla pagaia. Deve essersi trattato il momento più difficile e pericolo dell’intero giro.

Un video del National Geographic sui segreti di Stonehenge:

Fonte National Geographic:
http://www.nationalgeographic.it/popoli-culture/2010/10/14/news/a_stonehenge_un_turista_di_3_500_anni_fa-123374/index.html

Fonte Il Giornale.it:
http://www.ilgiornale.it/cultura/stonehenge_e_localita_turistica_piu_antica_mondo/arte-attualit-archeologia_stonehnge-scavi-turismo-scoperte-viaggi-bronzo-mistero/30-09-2010/articolo-id=476925-page=0-comments=1

e altre informazioni:

http://news.nationalgeographic.com/news/2008/05/080529-stonehenge-cemetery.html

http://www.nationalgeographic.it/popoli-culture/storia/2010/07/27/foto/l_altra_stonehenge-78399/index.html

Sabrina

~ di Sabrina su 28 marzo 2012.

2 Risposte to “Uno dei primi turisti a Stonehenge, 3500 anni fa”

  1. Ciao Sabrina!
    Forse era un figlio di qualche sacerdote-scienziato dell’epoca che andava ad apprendere le ultime scoperte dell’antico osservatorio o forse non lo sapremo mai, il bello della scienza è che qualche volta ci può dare delle “dritte” come il rapporto isotopico dei denti poi ci lascia sognare liberamente sulle possibili cause del lungo viaggio che il bambino e la comunità o i familiari che lo accompagnavano avevano intrapreso.🙂

    • E’ incredibile come le tecniche attuali siano in grado di fotografare le ultime ore di vita (o la professione, la provenienza, ecc.) di una persona vissuta millenni fa. Mi ha ricordato Otzi -il cui corpo è conservato a Bolzano in un museo dove enormi stanze sono dedicate solo a lui – e Jack lo Squartatore, del quale, grazie alle ultime indagini fatte si è potuto dare un nuovo volto, un identik ancora non supportato da ipotesi certe, di chi poteva essere uno dei primi serial killer della storia. In questo caso è terribilmente difficile risalire alla persona, ma è entusiasmante come le tecniche attuali siano in grado di andare indietro nel tempo ad epoche così remote che … Neanche l’immaginazione avrebbe potuto fare con grande dettaglio.
      Grazie Umby!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: