La Nebulosa dell’Aquila

Combinando bande opposte nello spettro elettromagnetico, ossia la banda infrarossa e quella in X, si è ottenuta questa immagine di Hershel nel lontano infrarosso e quella di XMM-Newton nell’X. Essa mostra come le giovani calde stelle rilevate dalle osservazioni in raggi X interagiscono con la polvere e il gas molto freddi che li circondano che, al di sopra di qualche grado dallo zero Kelvin (lo zero assoluto), rappresentano il materiale fondamentale per la formazione stellare.

Entrambe le lunghezze d’onda X e UV vengono bloccate dall’atmosfera terrestre e quindi bisogna uscire dall’atmosfera terrestre, con telescopi spaziali, per poter osservare in tali regioni dello spettro, dato che sono bande fondamentali per la nostra comprensione del ciclo di formazione stellare.

Crediti: ESA/Herschel/PACS/SPIRE/Hill, Motte, HOBYS Key Programme Consortium.
Fonte NASA Gallery: http://www.nasa.gov/multimedia/imagegallery/image_feature_2153.html

Sabrina

~ di Sabrina su 4 febbraio 2012.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: