Cenere da un vulcano

Questa immagine, ottenuta il 15 aprile 2010 dal Medium Resolution Imaging Spectrometer (MERIS) a bordo di Envisat, mostra la vasta nube di polvere emessa dal vulcano islandese. Disponibile su: http://www.esa.int/esaCP/SEMJLY9MT7G_Italy_1.html

In questa immagine ottenuta dallo strumento MERIS del satellite Envisat dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) ottenuta il 15 aprile 2010 alle ore 13:25, è ben evidente la gigantesca nube di cenere prodotta dall’eruzione del vulcano islandese situato sotto il ghiacciaio Eyjafjallajokul nel sud ovest del paese.

Questa cenere che viene trasportata dai venti verso i paesi del Regno Unito a più di 1000 chilometri di distanza, può causare seri danni ai reattori degli aerei, e di conseguenza, le autorità competenti di molti aeroporti del Regno Unito, Scandinavia e di altri paesi europei (nelle prossime ore anche del nostro) hanno soppresso tutti i voli. In particolare, sono stati chiusi gli aeroporti di Gran Bretagna, Irlanda, Svezia, Finlandia, Danimarca, Norvegia, Belgio e Olanda. Nella serata del 15 aprile è arrivata la notizia della chiusura dello spazio aereo nel nord della Polonia, degli aeroporti di Parigi, di altri 23 scali francesi e di quelli tedeschi di Berlino e Amburgo. In Italia bloccati tutti i voli di tutte le compagnie aeree in partenza per il Belgio, l’Olanda, il Lussemburgo, l’Irlanda e il Regno Unito.

La cenere, quella lunga scia grigia nell’immagine, si muove da ovest verso est a circa 11 chilometri dalla superficie terrestre.
Il vulcano è entrato in eruzione il 20 marzo 2010 dopo un lungo periodo di “tranquillità” che risaliva fin dal 1821, e mercoledì 14 aprile 2010 è avvenuta la sua seconda eruzione che ha comportato lo scioglimento del ghiacciaio e gravi inondazioni in tutta la regione.

Una spettacolare animazione, ottenuta dal Dipartimento di Ricerca Climatica e Atmosferica dell’Istituto Norvegese per la Ricerca Atmosferica, è visibile nella pagina dell’ESA: http://www.esa.int/esaCP/SEMJLY9MT7G_Italy_1.html#subhead1 ottenuta da un modello di previsione che si basa sulla rilevazione dell’anidride solforosa nella nube di cenere provocata dall’eruzione del vulcano.

Fonte: ESA Portal Italy: http://www.esa.int/esaCP/SEMJLY9MT7G_Italy_0.html .

Lo stesso articolo è stato pubblicato su GruppoLocale.it: http://www.gruppolocale.it/?p=2130  di Marco Castellani (INAF) di Roma col quale collaboro da ottobre 2009. Una grande esperienza di vita, grazie Marco!

Sabrina

Annunci

~ di Sabrina su 17 aprile 2010.

Una Risposta to “Cenere da un vulcano”

  1. […] This post was mentioned on Twitter by Sabrina Masiero. Sabrina Masiero said: Cenere da un vulcano, articolo condiviso con M.Castellani su GruppoLocale https://tuttidentro.wordpress.com/2010/04/17/cenere-da-un-vulcano/ […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: