Collisioni tra due galassie

 La collisione in corso tra le due galassie NGC 6872 e IC 4970 sta alimentando il buco nero supermassiccio al centro di IC 4970. Crediti: NASA/CXC/SAO/ M. Machacek (per i dati in X); ESO/VLT (per i dati nell’ottico); NASA/JPL/Caltech (per i dati nell’infrarosso).

Questa immagine, ottenuta dalla sovrapposizione di numerosi dati raccolti da tre telescopi differenti, mostra una collisione in corso tra due galassie, in particolare tra NGC 6872 e IC 4970. I dati in X del Chandra X-ray Observatory della NASA sono rappresentati in porpora, mentre i dati infrarossi ottenuti dallo Spitzer Space Telescope sono in rosso; quelli nell’ottico, ottenuti dal Very Large Telescope (VLT) dell’ESO (European Southern Observatory) sono in rosso, verde e blu.

Dallo studio delle galassie relativamente vicine vi sono evidenze osservative che al centro della stragrande maggioranza di esse risieda un buco nero supermassiccio.
Non solo sembra che le galassie e i buchi neri coesistano, ma apparentemente appaiono pure intimamente connessi nella loro evoluzione. Per meglio comprendere questa relazione simbiotica, gli astronomi hanno posto la loro attenzione ai buchi neri che si accrescono rapidamente, i cosiddetti nuclei galattici attivi (AGN), per studiare come questi vengano influenzati dal loro ambiente galattico circostante.

I dati più recenti di Chandra e di Spitzer mostrano che IC 4970, la piccola galassia che si osserva nella parte alta dell’immagine, contiene un AGN, ma pesantemente avvolto nel gas e nella polvere. Questo implica che i telescopi ottici, come il VLT, non riescono a osservare nulla; tuttavia la radiazione in X e infrarossa può penetrare questa sorta di velo e rivelare la luce prodotta dal materiale riscaldato prima di cadere nel buco nero (che si osserva come una sorgente puntiforme luminosa).

A parte il gas e la polvere che oscurano e circondano la galassia IC 4970, i dati di Chandra rivelano anche che non c’è gas sufficiente in essa come carburante per la crescita dell’AGN. Allora, da dove arriva il materiale che rifornisce il buco nero?
La risposta sta nella galassia vicina, NGC 6872.

Queste due galassie si vengono a trovare nel pieno del processo di collisione e l’attrazione gravitazionale da parte di IC 4970 è probabile abbia strappato del gas caldo dal serbatoio della galassia compagna, NGC 6872 (che si osserva in modo ben evidente nei dati di Spitzer), fornendo in questo modo del nuovo carburante per alimentare il grande buco nero supermassiccio.

Per ulteriori informazioni, si visiti il sito della NASA alla pagina: http://www.nasa.gov/mission_pages/chandra/multimedia/photo09-103.html .

Sabrina

~ di Sabrina su 11 dicembre 2009.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: