Sorvolando Tritone

Tritone

Immagine di Tritone, il satellite più grande di Nettuno, realizzata utilizzando le mappe topografiche ricavate dalle immagini della sonda Voyager 2 nel suo fly by col pianeta (agosto 1989). Cortesia: JPL – NASA. Disponibile su: http://photojournal.jpl.nasa.gov/catalog/PIA12187 .

 

Un volo simulato della superficie di Tritone, il satellite più grande di Nettuno, è stato realizzato un paio di mesi fa, utilizzando le mappe topografiche ricavate dalle immagini della sonda Voyager 2 della Nasa, durante il fly by nell’agosto 1989.

Tritone è stato l’ultimo corpo roccioso visitato dalla sonda Voyager nel suo viaggio epico di circa dieci anni tra i pianeti giganti e gassosi del nostro Sistema Solare. Il Voyager in realtà, mappò solamente un emisfero, quello che esso mostra al suo pianeta Nettuno, ma fu in grado di rivelare una superficie giovane, segnata da bolle di ghiaccio e anomalie, da cavità vulcaniche e flutti di lava composti di acqua e altri tipi di ghiacci.
Come si può vedere da questo video, realizzato da Paul Schenk (http://www.lpi.usra.edu/lpi/schenk) al Lunar and Planetary Institute e diffuso dalla Nasa, (http://photojournal.jpl.nasa.gov/catalog/PIA12187) , Tritone è composto da rilievi piuttosto bassi, da picchi e colline, tipicamente di poche centinaia di metri d’altezza, senza la presenza di grandi montagne o bacini profondi. La mancanza di caratteristiche topografiche significative è una conseguenza del grande calore interno di Tritone e della bassa compattezza del ghiaccio.

Il video è stato ricavato usando una nuova mappa topografica di Tritone, ottenuta combinando un mosaico di varie immagini originali del Voyager 2, con una risoluzione di circa 1.65 km.

I dati grezzi sono stati recuperati dall’Archivio Dati del Planetary Data System. Il Jet Propulsion LaboratorY (JPL), una divisione del California Institute of Technology di Pasadena (California), gestisce la missione da parte del Science Mission Directorate della Nasa, a Washigton, D.C. La stessa sonda spaziale Voyager e le camere a bordo furono progettate, sviluppate e assemblate sempre al JPL.

Sabrina


~ di Sabrina su 4 novembre 2009.

2 Risposte to “Sorvolando Tritone”

  1. Cara Sabrina, lo sai che per me è un piacere ospitare i tuoi post, ben scritti e dettagliati! A presto con il prossimo😉

    Marco

    • Grazie Marco, sono davvero felice!!! Ci sentiremo molto presto perchè sto pensando ad un nuovo post (preferisco puntare sul Sistema Solare che mi affascina). Grazie ancora, Marco! A presto!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: